Salta al contenuto

Contenuto

Gestire in modo organico e condiviso le profonde trasformazioni che stanno interessando il tessuto economico e produttivo del Distretto ceramico, in modo da elaborare per tempo le migliori risposte possibili in base alle esigenze dei lavoratori, delle imprese e del territorio in ambito sociale, occupazionale, economico, urbanistico ed ambientale. In estrema sintesi convergono su questo obiettivo le azioni promosse dal ‘Patto per il Clima e per il Lavoro nel Distretto ceramico’, che è stato sottoscritto oggi pomeriggio dall’Unione, dai suoi otto Comuni e dalle parti sociali. La presidenza dell’Unione dei Comuni del Distretto, nella figura del Sindaco di Maranello Luigi Zironi, ha coordinato un tavolo finalizzato al confronto tra sindaci del Distretto e i rispettivi rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, Confindustria, Cna, Confcommercio, Confesercenti, Lapam e Confapi. Il dibattito, impreziosito dalla varietà dei punti di vista, ha portato ad una sintesi condivisa che impegna i firmatari a dialogare e ad intervenire su numerosi temi, tutti connessi tra loro. Il documento, che richiama molti dei concetti presenti nel ‘Patto per il Lavoro e per il Clima firmato in Regione nel 2020, prevede sul piano operativo un confronto periodico tra le parti e la possibilità di attivare ulteriori tavoli specifici su argomenti che possano richiedere un’analisi più approfondita. Tra i punti toccati nell’accordo ci sono l’impegno per la sostenibilità ambientale, economica e sociale e il contrasto ai cambiamenti climatici con le dovute attenzioni agli effetti degli interventi attuativi previsti dalle normative comunitarie, in tutti i processi di sviluppo del territori, le politiche abitative – anche relative allo spopolamento delle aree montane -, la valorizzazione del lavoro di qualità, il potenziamento dei percorsi di formazione, la promozione della legalità, la tutela dell’occupazione e dei diritti dei lavoratori, il ruolo delle istituzioni nel garantire i servizi a cittadini e imprese, la ricerca di finanziamenti, gli investimenti sulle infrastrutture viarie e digitali. Il tutto tenendo sempre conto dell’identità produttiva ed imprenditoriale del Distretto, della loro competitività sui mercati internazionali e delle esigenze delle filiere che lo caratterizzano (ad esempio ceramica, automotive, metalmeccanica, turismo, agricoltura, manifattura) e degli strumenti di programmazione urbanistica utilizzati dagli enti locali. “Ogni soggetto seduto a questo tavolo ha portato le proprie competenze nei contenuti di un Patto che ha il suo punto di forza proprio nella condivisione degli obiettivi da parte di tutti gli attori sociali ed economici dell’area di riferimento – ha sottolineato al momento della firma Luigi Zironi, Presidente dell’Unione dei Comuni del Distretto ceramico e Sindaco di Maranello –. L’analisi puntuale delle diverse problematiche, unita alla ricerca di soluzioni attraverso il confronto, ci consentirà di farci trovare ancora più pronti di fronte ai cambiamenti che ci aspettano, in modo da poterli governare e non subire. La dinamicità imprenditoriale di questo territorio è un valore aggiunto, ma rende questa sfida anche molto complessa da affrontare. Nel cambiamento il nostro Distretto deve trovare nuove opportunità da cogliere, ed è nostro dovere continuare a muoverci secondo principi come il rispetto dell’ambiente, la coesione sociale e l’occupazione di qualità, assicurata dalle nostre imprese”.

A cura di

Questa pagina è gestita da

Area amministrazione generale e servizi alla città

Via Unità d'Italia, 26

41043 Formigine

Ultimo aggiornamento: 29-03-2024, 09:03