Accessibilità

We can cult: verso l’infinito…

Tra gli ospiti: Simonetta Agnello Hornby, Federico Rampini, Federico Buffa e Gianni Riotta

We can cult: verso l'infinitoIl secondo fine settimana del Settembre formiginese si caratterizza per l’approfondimento culturale e gli spettacoli di qualità.

All’interno del programma dell’ottava edizione di We Can Cult, realizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Formigine, tanti ospiti s’interrogheranno sull'intreccio tra la finitezza della contemporaneità e la tensione verso l'infinito, attraverso i diversi linguaggi della musica, del teatro, della letteratura e del giornalismo.

L’anteprima si terrà nella serata di giovedì 7 settembre con La Tempesta di William Shakespeare, interpretata dal Teatro Nero. Un finale insolito, quello proposto dalla Compagnia modenese, pur nel rispetto dei versi originali.

Effetti visivi, uniti a musica e parole costituiscono l’atmosfera di “Visioni”, spettacolo dei VivavErba (Ulderico Wilko Zanni, Ruggero Andreozzi e Raoul Battilani) previsto per venerdì sera.

Sabato alle 10, lo scrittore e giornalista Enrico Regazzoni parlerà della sua carriera come direttore editoriale (per nove anni) del settimanale femminile de La Repubblica (a cura dell’associazione Le Graffette).

Alle 11.30, un formiginese premiato come miglior giallista dell’anno, Fabiano Massimi, presenterà il romanzo vincitore del Premio Tedeschi 2017, dal titolo Il club Montecristo (Mondadori).

Alle 16 inaugura con una performance la mostra di Alice Padovani. La poliedrica artista modenese che espone per una galleria londinese, unisce alla spontaneità dell’impulso creativo, il rigore del metodo scientifico e l’interesse per il mondo naturale. Il suo lavoro è un diario visivo che si fonda sugli archetipi di meraviglia e repulsione; dove la memoria, collettiva, naturale o personale, ne diventa il punto di origine.

Alle 17 si terrà l’incontro con Simonetta Agnello Hornby, tra le scrittrici contemporanee più amate. Alle 18.30 è la volta di Federico Rampini, noto giornalista che parlerà di questi tempi difficili, soprattutto dal punto di vista della politica e dell’economia, guardando anche all'America e all'Asia, continenti in cui ha vissuto e lavorato come corrispondente.

Stefano Bicocchi, in arte Vito, si esibirà con il Duo Sconcerto ne “Il bar al portico” sul palco di piazza Calcagnini, alle 21. Il chitarrista Andrea Candeli e Matteo Ferrari al flauto accompagneranno la verve comica del celebre attore bolognese.

Le grandi contraddizioni della contemporaneità richiedono di essere affrontate anche con… “spirito sportivo”! Quello di cui si faranno interpreti il formiginese Marco Nosotti, amatissimo volto di Sky, domenica mattina alle 10.30 e più tardi, alle 17, il suo collega telecronista Federico Buffa.

Alle 18 si terrà l’incontro con Matteo Caccia, scrittore, attore teatrale e conduttore radiofonico che al pubblico presente racconterà le tante storie contenute nel suo ultimo lavoro, “Il silenzio coprì le sue tracce”.

Alle 19, Gianni Riotta, ex corrispondente da New York per varie testate giornalistiche, parlerà delle nuove forme di comunicazione.   

Coda finale sul palco di piazza Calcagnini lunedì 11 settembre alle 21, con “Eppure Angelo canta ancora”, serata dedicata a Pierangelo Bertoli con Marco Dieci e Leo Turrini.

Tutte le iniziative (salvo dove diversamente specificato) si tengono nel parco del castello. Sedi alternative in caso di maltempo su: www.comune.formigine.mo.it.

 

archiviato sotto: