Accessibilità

Sezioni

Sei in Home page > Avvisi > Avvisi 2021 > Ultimo consiglio a Formigine prima della pausa estiva

Ultimo consiglio a Formigine prima della pausa estiva

Approvata la variazione del budget della Formigine Patrimonio con un milione di nuove manutenzioni

Elisa ParentiUltimo consiglio prima della pausa estiva quello di giovedì 22 luglio con sei delibere e quattro mozioni approvate. Oltre al conferimento della cittadinanza onoraria al “Milite Ignoto”, a seguito della iniziativa nazionale patrocinata da ANCI, e alla variazione del budget della Formigine Patrimonio che aggiunge un milione di euro in manutenzioni del territorio, sono state approvate tre delibere di natura urbanistica. Oltre al piano particolareggiato “Ex cantina sociale” il cui percorso amministrativo di recupero dell’area continuerà in autunno, sono stati approvati due permessi di costruire convenzionati, entrambi a Casinalbo in via Sant’Ambrogio e in via Parozzi. La discussione è proseguita con alcuni documenti orientati alla sostenibilità ambientale: in primis “l’adesione e sottoscrizione del Patto dei Sindaci”, il cui scopo è lo scambio di buone pratiche e la collaborazione dal basso fra comunità locali per rafforzare “gli interventi per una Europa più equa e neutrale dal punto di vista climatico e per lo sviluppo di un piano d’azione per l’energia e per il clima congiunto”. Sempre in tema ambientale, è stato approvato poi il documento “riconversione e rinnovo parco veicolare a propulsione elettrica”, con cui si chiede all’amministrazione di sostenere e incentivare la riconversione del parco veicolare comunale verso i veicoli elettrici sfruttando le opportunità di finanziamento e gli incentivi disponibili. Ha trattato di alimentazione invece la mozione approvata con oggetto “campagna informativa relativa al sistema europeo di etichettatura nutrizionale denominato Nutri-Score”: l’atto chiede di prendere posizione contro una proposta penalizzante per le eccellenze agroalimentari italiane a causa del cosiddetto sistema “a semaforo”. Con l’ultima mozione approvata ancora all’unanimità, sulla “liberazione e protezione di Julian Assange e tutela della libertà di informazione” il consiglio impegna fra le altre cose la giunta a sollecitare il governo italiano, in aderenza alla convenzione europea dei diritti dell’uomo, ad intraprendere ogni iniziativa per scongiurare la applicazione della pena capitale per Julian Assange.