Accessibilità

A scuola di robot

Alle Palmieri di Magreta inaugurato l’Atelier Digitale

laboratorio roboticaLiberare la creatività, anche attraverso robot e altri strumenti digitali. A Magreta di Formigine, è stato inaugurato l’Atelier Creativo Digitale della Scuola Primaria “V. Palmieri”, un’esperienza che coinvolge in quest’anno scolastico le classi di tutti e tre i plessi, dalle seconde alle quinte.

A seguito della rimodulazione dell’aula di informatica all’insegna della multimedialità e grazie all’acquisto di 14 tablet e altro materiale, tra cui diversi robot di vario genere, gli alunni hanno potuto approcciare, dopo alcuni incontri formativi per le insegnanti, il conteggio con il sistema binario, imparare a dare istruzioni secondo una sequenza logica, programmare piccoli robot, anche con siti didattici appositamente creati, il tutto per leggere la realtà con un occhio diverso, arricchendo in modo spontaneo e divertente le proprie capacità di risolvere i problemi.

Nella giornata di presentazione, dopo il saluto da parte del sindaco Maria Costi e di Luca Malagoli del Museo della Bilancia, che ha scritto il progetto di Atelier Digitale insieme alla maestra Giulia Catellani, gli alunni si sono trasformati in insegnanti e i genitori in allievi, sperimentando il risultato dei diversi laboratori in quella che è diventata per tutti una vera “festa robotica”.

Un’opportunità offerta dal Piano Nazionale Scuola Digitale del MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), per un progetto frutto di una collaborazione tra Amministrazione comunale, Direzione Didattica Secondo Circolo di Formigine, Museo della Bilancia di Campogalliano e Comitato genitori “Per chi suona la campanella”. 

“Un’altra esperienza innovativa nelle scuole formiginesi, che avvicina gli alunni alle nuove tecnologie – spiega Antonietta Vastola, vicesindaco e assessore alle Politiche Scolastiche – in un modo divertente e immediato, in quell’ottica di didattica innovativa che affianca, senza sostituirla, quella tradizionale. Ringrazio in particolare Marco Casolari, Dirigente Scolastico del Secondo Circolo di Formigine, oltre al Museo della Bilancia, alle insegnanti e ai genitori che hanno reso possibile tutto ciò”.

 

 

archiviato sotto: ,