Accessibilità

Sezioni

Sei in Home page > Avvisi > Avvisi 2017 > Il volontariato ambientale si rafforza a Formigine

Il volontariato ambientale si rafforza a Formigine

Seconda sessione del corso per Ispettori Ambientali e rinnovo delle cariche della Consulta

 

GevPartirà martedì 7 febbraio il ciclo di lezioni pratiche che concluderà il secondo corso per Ispettori ambientali volontari del Comune di Formigine. Si tratta di un gruppo che oggi conta circa venti partecipanti, il cui compito principale è quello di garantire comportamenti corretti da parte dei cittadini in materia di abbandono di rifiuti, in raccordo con la Polizia municipale. Nel mese di febbraio, inoltre, la Consulta ambientale procederà al rinnovo delle cariche del Presidente e del Vicepresidente. La Consulta è un organismo che riunisce tutti i referenti delle associazioni ambientali e che fornisce i propri orientamenti e i suggerimenti all'Amministrazione principalmente sulle questioni inerenti il territorio, la natura e la sostenibilità.

"Il volontariato ambientale a Formigine - afferma l'Assessore all'Ambiente Giorgia Bartoli - è particolarmente attivo e rappresenta una ricchezza per l'intera comunità. Da un lato, la Consulta ambientale costituisce uno strumento di partecipazione fondamentale per la governance del territorio; dall'altro i volontari danno quotidianamente un esempio unico di altissimo senso civico: nel 2016 le Guardie Ecologiche Volontarie hanno svolto oltre 3.000 ore di vigilanza ambientale e venatoria, mentre gli Ecovolontari hanno organizzato numerosi eventi sull'educazione in materia di rifiuti, sul decoro urbano e si sono resi disponibili ad avviare alcuni progetti d’inserimento lavorativo per giovani presso il Centro di educazione ambientale di Villa Gandini, oltre ad aver affiancato l'Amministrazione in progetti specifici con alcuni dei rifugiati presenti sul territorio formiginese".

L'attività degli Ispettori ambientali è importante anche per dare avvio a un progetto distrettuale di contrasto all’abbandono di rifiuti, che si svilupperà nel prossimo biennio in raccordo con Hera. Numerose, infatti, sono le segnalazioni da parte dei cittadini attenti all'ambiente e al decoro del territorio su conferimenti scorretti.