Accessibilità

Le iniziative per l'8 Marzo

Nel fine settimana una conferenza sul tema della violenza sulle donne a Magreta e una visita speciale al Castello dedicata alla figura di Clelia Farnese

donneQueste le iniziative formiginesi inserite nel programma distrettuale per la Festa dell’8 Marzo per ricordare i diritti raggiunti o ancora da raggiungere o da difendere per la valorizzazione delle donne. 
Al tema della violenza di genere è dedicata la conferenza organizzata dall'Associazione Magreta presso l'Auditorium Palmieri della frazione, venerdì 4 marzo alle 20 e patrocinata dall'Unione dei Comuni del Distretto ceramico. L'iniziativa ha come relatori la dott.ssa Amanda Zanni, psicologa del Centro per le famiglie dell'Unione dei Comuni e consulente per le donne vittime di violenza, la dott.ssa Morena Peggi, psicologa e mediatrice familiare che tratterà il tema della relazione di coppia e infine il dott. Paolo de Pascalis del Centro LDV di Modena che si occupa del trattamento degli autori delle violenze. Chiuderà la serata il Vicesindaco e l'Assessore alla Pari opportunità Antonietta Vastola. 
Domenica 6 marzo alle 17 si terrà al Castello una visita speciale dedicata alla figura di Clelia Farnese (1556-1613), dama celebrata dai contemporanei, moglie del Signore di Sassuolo e Formigine, Marco III Pio di Savoia. L’iniziativa è gratuita su prenotazione: Servizio Cultura (tel. 059 416244 fino a venerdì dalle 9 alle 13) Museo del castello (tel. 059 416145 sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 -castello@comune.formigine.mo.it). 
Infine, nell'ambito della rassegna cinematografica "L'Italia che non si vede" a cura di UCCA, organizzata dalla Polisportiva Formiginese presso l'Auditorium Spira mirabilis (Via Pagani, 25), lunedì 21 marzo alle 21 si terrà la proiezione del film "Cloro" opera prima del regista Lamberto Sanfelice. La pellicola presentata al Sundance Film Festival e alla Berlinale ha come protagonista una giovane donna che insegue il proprio sogno di partecipare alle gare nazionali di nuoto sincronizzato, oltre e nonostante le gravi difficoltà familiari che la proiettano drammaticamente nell'età adulta (ingresso libero, info: tel. 059 570310 - 059 574988).