Accessibilità

Interventi di disinfestazione da cimice dell'olmo

Dalle 24 di giovedì 19 alle 7 di venerdì 20 maggio il primo trattamento nelle zone più critiche del territorio comunale

cimiceAnche quest’anno l’Amministrazione comunale attua un progetto finalizzato al contenimento delle infestazioni dovute alla cimice dell’olmo. Questo insetto è in realtà innocuo per l’uomo e per gli animali domestici, in quanto non punge, non trasmette malattie e non è dannoso per le piante coltivate e ornamentali. Anche i danni alle piante di olmo su cui si sviluppa e delle quali si nutre sono del tutto trascurabili. 
I grossi disagi sono dovuti alla presenza di un gran numero di individui presso le abitazioni. Gli adulti - in grado di emettere un odore sgradevole se schiacciati o molestati - si raccolgono in genere su muri esterni, infissi, bancali e zanzariere, ma possono penetrare anche all’interno e ammassarsi entro mobili e arredi. Le infestazioni sono di solito concentrate tra giugno e luglio, ma anche, in misura minore, tra agosto e ottobre. 
Il progetto di monitoraggio e controllo delle infestazioni da cimice dell’olmo è stato attivato dal Servizio Ambiente in collaborazione con i tecnici della ditta Sireb di Modena. Dalle 24 di giovedì 19 maggio alle 7 di venerdì 20 maggio(tempo permettendo) verrà effettuato un primo intervento di disinfestazione che interesserà a Formigine capoluogo il parco Bora, via Mazzini (compreso piazza Brodolini), il parco di Villa Gandini, il parco Stradello Romano-Corassori, via Coppi, Rio Cantalupo (margini parco, da via Sciascia a via Terracini); a Casinalbo il parco Billò e il parco in fondo a via Brescia; a Colombaro il parco di via Secchia. 
Inoltre, dal momento che, soprattutto in alcune zone, il problema deriva da alberature poste in area privata, è stata emanata apposita ordinanza per imporre ai proprietari di piante di olmo la disinfestazione delle stesse, nel periodo in cui la presenza di insetti è maggiore. Copia dell’ordinanza verrà inviata ai proprietari di piante di olmo, rilevati a seguito di verifiche effettuate negli anni passati, sulla base delle segnalazioni pervenute. 
Per informazioni, è possibile contattare l’Ufficio Relazioni con il Pubblico (tel. 059 416333).