Accessibilità

Ginnaste ucraine ospiti della Società Solaris

Alcune atlete formiginesi hanno ospitato nelle loro case un gruppo di ginnaste ucraine: una bella esperienza di sport e di vita con allenamenti e visite turistiche

Ginnaste ucraine12 giovane ginnaste ucraine, accompagnate da due allenatrici, sono state ospiti nelle ultime due settimane delle famiglie delle atlete pari età della Società Ginnastica Solaris di Formigine, per una bella esperienza che aiuta a crescere nello sport, ma soprattutto nella vita. Il “gemellaggio” sportivo è merito di Ksenia, istruttrice di origini ucraine della stessa Solaris. Il gruppo delle ragazze ha alternato allenamenti a visite turistiche alle città di Bologna e di Firenze e ad una giornata al parco giochi di Mirabilandia, che hanno permesso di sviluppare nuove amicizie. Il rientro a casa è previsto per la giornata di domani, venerdì 10 luglio. 
Un percorso speciale di socialità che le atlete ricorderanno a lungo. “Ogni giorno ci siamo svegliate, abbiamo mangiato, riso e scherzato insieme e abbiamo seguito tutti gli allenamenti con le allenatrici/coreografe. Non è stato facile comunicare, ma abbiamo inventato tanti modi diversi; per fortuna la ginnastica ci ha aiutato e speriamo proprio di ripetere questa bella esperienza”, hanno spiegato le ragazze della Solaris; ognuna di loro ospitava a casa una ginnasta ucraina. 
Il Sindaco Maria Costi, che si è felicitata con i dirigenti e i tecnici della Solaris per l’organizzazione, ha voluto incontrare le ginnaste alla palestra delle scuole Ferrari, riconoscendo l’importanza di queste relazioni sportive internazionali. “Mi sento di ringraziare personalmente le ginnaste ucraine perché i momenti di scambio nello sport e nella vita servono per crescere e maturare - ha affermato la presidente della Società Ginnastica Solaris Giuliana Balboni - Il loro è stato un atteggiamento positivo e di grande disponibilità con tutti. L’esperienza della tecnica e il metodo di allenamento esibito dalle giovani ginnaste ucraine rimarranno sicuramente vivi nei ricordi delle nostre atlete motivandole ad impegnarsi per dare sempre il meglio in pedana e nella vita”.