Accessibilità

Consiglio comunale del 12 giugno

La prima seduta del nuovo Consiglio comunale si è tenuta in Piazza Calcagnini. Elisa Parenti è la Presidente e Piergiulio Giacobazzi il Vicepresidente

Primo consiglio comunale

Si è svolta giovedì 12 giugno la prima seduta del nuovo Consiglio Comunale, nella splendida cornice di Piazza Calcagnini, affollata di pubblico che ha così raccolto il messaggio forte del Sindaco Maria Costi di mettere, al centro dell’attività politico-amministrativa, il tema della partecipazione dei cittadini alla vita pubblica. 
Il Sindaco Maria Costi, che ha giurato fedeltà alla Costituzione, ha nominato i componenti della Giunta che la affiancheranno nella nuova legislatura. Antonietta Vastola (PD) è confermata Vicesindaco e Assessore con deleghe alle Politiche Scolastiche ed Educative, Centri educativi, Personale e Sviluppo Organizzativo, Pari Opportunità, Coordinamento Eventi. Gli altri assessori sono: Corrado Bizzini con le seguenti deleghe: Attività Produttive e Startup, Lavoro e Formazione, Patrimonio e Partecipate; Giorgia Bartoli (PD) con le seguenti deleghe: Ambiente e Agricoltura, Trasparenza, Semplificazione e Innovazione, Ricerca Fondi; Mario Natalino Agati (PD) con le seguenti deleghe: Cultura e Biblioteca, Turismo e Marketing Territoriale, Castello e Rilancio Centri Storici, Qualità Urbana e Smart City; Simona Sarracino (PD) con le seguenti deleghe: Politiche Sociali e Familiari, Politiche Giovanili, Sport, Associazionismo e Terzo Settore, Partecipazione e Relazioni con il Cittadino, Integrazione; Armando Pagliani con le seguenti deleghe: Riqualificazione e Sostenibilità Territoriale, Urbanistica, Edilizia Privata, Mobilità, Lavori Pubblici, Politiche per la Casa. “Sono certa che le persone che ho nominato abbiano le caratteristiche per collaborare con competenza ed efficacia al raggiungimento dei traguardi di governo che abbiamo proposto alla comunità e che sono stati premiati dall’ampio consenso dei formiginesi - ha detto il Sindaco Costi - privilegerò il talento e il valore della persona, prima delle appartenenze. Perchè questo è il mio convincimento profondo: liberare le competenze, le potenzialità, il talento, di ciascuna persona, di ciascun cittadino, è l'unica vera risorsa che può levarci di dosso la tristezza e il pessimismo verso il futuro. E restituire significato positivo a questa parola. Formigine proverà a passare dalle parole ai fatti. Saremo l’Amministrazione dei cittadini: la discriminante dovrà essere e sarà la competenza e la credibilità, la limpidezza e la passione”. 
Il responso delle elezioni dello scorso 25 maggio aveva assegnato 15 seggi al PD, 3 al Movimento 5 Stelle, 3 alla Lista Civica per Cambiare, 2 a Forza Italia Berlusconi per Formigine e 1 alla Lega Nord Padania. Ma la nomina nella Giunta comunale di tre eletti, Antonietta Vastola, Giorgia Bartoli e Mario Agati, ha consentito ai primi tre non eletti del PD di entrare: Nicola Benassi, Giorgio Bonini e Miles Lawrence. 
Il Consiglio comunale risulta ora così composto; Consiglieri di Maggioranza: per il Partito Democratico Paolo Zarzana (capogruppo), Elisa Parenti, Maria Cristina Mammi, Franco Richeldi, Francesco Gherardi, Egidio Pagani, Francesco Gelmuzzi, Ivan Alboresi, Pietro Ghinelli, Silvia Spallanzani, Fabio Poli, Maria Francesca Ottani, Nicola Benassi, Giorgio Bonini e Miles Lawrence. Consiglieri di Minoranza: per il Movimento Cinque Stelle Rocco Cipriano (capogruppo), Alessia Nizzoli e Marco Giovanelli; per la Lista Civica Formigine per Cambiare Paolo Bigliardi (capogruppo), Pier Giorgio Giusti e Claudia Buffagni; per Forza Italia Berlusconi per Formigine Piergiulio Giacobazzi (capogruppo) e Alessandro Cuoghi; per la Lega Nord Padania Francesca Gatti. 
Nel corso della seduta, Elisa Parenti, 28 anni, avvocato, è stata eletta Presidente e Piergiulio Giacobazzi, 34 anni, avvocato, Vicepresidente del Consiglio comunale; entrambi con 20 voti a favore e 4 schede bianche. 
Infine, il Sindaco Maria Costi ha illustrato le linee programmatiche relative alle azioni e progetti da realizzare nel corso del mandato (favorevole la maggioranza, contrarie le minoranze). Questi i passaggi principali: “dobbiamo avere una visione d’insieme, interpretare il momento presente e proporre una cornice condivisibile nella quale ognuno possa trovare lo spazio per disegnare il proprio futuro. Lavoreremo con impegno per ridare risposte ai nuovi bisogni delle famiglie che vivono situazioni di crescente difficoltà nell’assolvere alle incombenze quotidiane. La famiglia è il primo e importante anello del sistema di welfare e intendiamo promuovere meccanismi premianti nei confronti delle famiglie che si fanno carico di assistenza Per dare risposta ai lavoratori e alle lavoratrici che chiedono un’occupazione dignitosa, che consenta di costruire un futuro per loro e per i loro figli. Per restituire presente e futuro ai giovani che debbono essere protagonisti della loro vita e della vita della comunità. Per garantire alle imprese che vogliono competere, un contesto di concorrenza trasparente”.