Accessibilità

Avis comunale Formigine: eletto il nuovo consiglio

Rinnovate le cariche sociali fino al 2024, Giorgio Sghedoni confermato presidente. Nel 2020, il numero più alto di donazioni degli ultimi cinque anni

Avis FormigineUn risultato luminoso nell’anno più buio. Con 4.279 donazioni totali di sangue e plasma effettuate nel 2020, l’Avis di Formigine ha superato di 316 unità la raccolta dell’anno precedente e ha stabilito il record degli ultimi cinque anni. 

Significativa la decisa crescita delle donazioni di plasma, 1.779 unità a cui si aggiungono le donazioni di plasma iperimmune da donatori guariti dal Covid. 

È stata una risposta straordinaria da parte dei 1.915 soci formiginesi (1.876 sono i donatori effettivi) che anche nei momenti di restrizioni da pandemia si sono mostrati più forti del virus. Non solo, nel 2020 è aumentato anche il numero di nuovi donatori: 189 le richieste che, superati gli esami di idoneità, hanno portato a 150 nuove donazioni nell’anno scorso e a 47 nel solo primo trimestre del 2021. 

I dati consuntivi del 2020 sono stati illustrati nell’ultima assemblea della sezione comunale. Oltre alla ratifica dei bilanci, i soci sono stati chiamati ad eleggere il nuovo consiglio direttivo che guiderà l’associazione a Formigine per il prossimo quadriennio. 

Il consiglio ha riconfermato alla presidenza Giorgio Sghedoni, al suo secondo mandato. Ecco l’elenco degli eletti: Ernestina Sernesi, vicepresidente; Giuseppe Borghi, revisore unico; Mirta Ferrari, tesoriere; Sara Giusti, segretaria; i responsabili delle commissioni Giovanna Barbieri, per la scuola; Sofia Barbolini, per i giovani; Achille Frignani, per la Protezione Civile; Eugenia Landrini, per la comunicazione; Franca Rovatti, per organizzazione e sviluppo; Roberto Spaggiari, per l’informatizzazione; Mauro Bavutti, Ilaria Bortolamasi, Stefano Castagnetti, Gianni Ferrari, Giorgio Giuliani, Nadia Nanni, Aldo Piragine, consiglieri. 

I risultati positivi in un anno così negativo sono il frutto di uno sforzo condiviso di medici, infermieri, dirigenti e volontari, chiamati in tempi brevissimi ad affrontare nuove prescrizioni sanitarie e a garantire le donazioni in totale sicurezza a strutture, operatori e donatori. 

Una dimostrazione di coscienza civile che ha permesso di non interrompere mai l’attività della sede e non mettere mai a rischio la disponibilità di sangue. Si sono interrotte invece, a causa del virus, le tante iniziative promosse dall’Avis comunale: dagli incontri nelle scuole, alla rassegna dialettale estiva, alle attività sportive tra cui la Corri con l’Avis. 

Per i programmi futuri, c’è ottimismo e voglia di tornare in “piazza” con gli appuntamenti ormai tradizionali e una presenza costante e attiva a fianco della comunità formiginese. 

archiviato sotto: