Accessibilità

Sezioni

Sei in Home page > Avvisi > Avvisi 2015 > Intervento chirurgico per il piccolo saharawi Sufi

Intervento chirurgico per il piccolo saharawi Sufi

Ospite con la mamma a Villa Sabbatini, è affetto da cataratta bilaterale infantile congenita. Sarà operato al Policlinico di Modena

SufiSufi ha nove mesi ed è affetto da cataratta bilaterale infantile congenita. Nato lo scorso giugno in uno dei campi profughi del popolo Saharawi, rischia gravissime conseguenze alla vista se non viene operato entro il primo anno di età. Grazie alla collaborazione delle associazioni Kabara Lagdaf e With You, della Regione Emilia Romagna, del Policlinico di Modena, di Arci Solidarietà, del Comune di Formigine e all’intervento del Ministero degli Esteri e dall’Ambasciata e Consolato italiano ad Algeri per consentire in tempi rapidi alla mamma e al bambino di giungere in Italia, il piccolo Sufi sarà operato martedì 17 febbraio dall’equipe del prof. Gian Maria Cavallini, direttore della Struttura Complessa di Oftalmologia del Policlinico di Modena. 
Sufi e sua madre, Darifa, resteranno in Italia circa tre mesi per permettere i due interventi e l’assistenza post operatoria. Appena arrivati sono stati accolti dai volontari delle associazioni e ospitati a Villa Sabbatini a Formigine. Attualmente sono sei i bambini ospitati a Villa Sabbatini, insieme a tre adulti che li accompagnano. Il progetto nasce nel 2009 per la cura e la prevenzione della calcolosi renale nella popolazione minore – poi esteso ad altre patologie – e in cinque anni ha permesso l’accoglienza e la cura di 28 bambini a Modena e di 84 nei campi profughi grazie alle missioni sanitarie in loco. Nel luglio 2013 sempre il professor Gian Maria Cavallini aveva effettuato un eccezionale intervento di estrazione di cataratta infantile su due gemelli di nove anni, sempre originari del Saharawi, con una tecnica innovativa che prevede l’impianto di un cristallino artificiale pieghevole attraverso una micro incisione di 1,3 mm. I gemelli erano arrivati al Policlinico di Modena grazie al progetto gestito dalla rete di associazioni e istituzioni. 
L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena dal 2009 è vicino al popolo Saharawi. I chirurghi pediatrici, gli urologi e gli anestesisti del Policlinico, infatti, collaborano con l’Associazione di Solidarietà con il Popolo Saharawi “Kabara Lagdaf” e l’Associazione di medici ospedalieri WITH YOU, del quale è presidente il dottor Pier Luca Ceccarelli, chirurgo pediatrico del Policlinico. 
Il progetto “Stop the saharawi children stones”, promosso dalle associazioni Kabara Lagdaf e With You nasce da un’accurata analisi della situazione nei campi profughi che ha fatto registrare una stretta correlazione tra le condizioni di vita e la comparsa della calcolosi renale anche in età pediatrica. Ci sono molti bambini che rischiano di perdere i reni e che non possono essere operati nei campi profughi e vengono quindi trasferiti a Modena, al Policlinico, per essere curati. Inoltre, sono previsti stage formativi con medici italiani per formare il personale sanitario saharawi e collaborare agli interventi sanitari.