Accessibilità

Accertamento di compatibilità paesaggistica

Se hai realizzato degli interventi edilizi e non, in assenza o in difformità dall’Autorizzazione Paesaggistica, sia essa di tipo ordinario o semplificata, e vuoi regolarizzarli, solo in alcuni casi previsti dalla legge, puoi “sanare” l'abuso presentando l'accertamento di compatibilità paesaggistica. Questo accertamento costituisce l'atto preliminare alla presentazione di istanze di sanatoria edilizia e urbanistica. Devi rivolgerti a un tecnico abilitato.

Ufficio al quale rivolgersi

Urbanistica

Responsabile: Rita Galli

Contatti

Telefono: 059 416 332
Email: urbanistica@comune.formigine.mo.it
PEC: area3@cert.comune.formigine.mo.it

Orari

Orario telefonate
Dal Lunedì l Venerdì:
Dalle 8.00 alle 10.00 per segreteria.
Dalle 9.00 alle 10.00 per i tecnici.
I cittadini sono ricevuti per appuntamento il giovedì dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 17.00
I tecnici esterni sono ricevuti per appuntamento il martedì dalle 10.00 alle 12.00

Sede

Via Unità d'Italia,26
41043 Formigine

 

Approfondisci

Cos'è
Requisiti e dettagli

L’istanza di Accertamento di Compatibilità Paesaggistica ai sensi dell’art. 167 co. 4 del D.Lgs 42/2004 può essere a presentata per:

a) lavori realizzati in assenza o difformità dall'autorizzazione paesaggistica, che non abbiano determinato creazione di superfici utili o volumi ovvero aumento di quelli legittimamente realizzati;
b) impiego di materiali in difformità dall'autorizzazione paesaggistica;
c) lavori comunque configurabili quali interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria.

 

La richiesta dell’accertamento di compatibilità è presentata dal proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo dell’immobile interessato dagli interventi ricadente nell'area oggetto di tutela paesaggistica utilizzando la modulistica appositamente predisposta dall'Ufficio. Il richiedente inoltra la richiesta allo Sportello del Cittadino (oppure tramite il portale regionale SuapER in caso di attività economiche) contestualmente alla presentazione della relativa pratica edilizia in sanatoria, al cui rilascio è presupposto l’ottenimento dell’accertamento.

 

 

Modalità di richiesta
Modulo da compilare e consegnare a sportello; Modulo da compilare e inviare con P.E.C.; Modulo da compilare e inviare con posta cartacea; Servizio on line
Servizio Online

Il servizio è online solo per i procedimenti inerenti le attività produttive, mediante la piattaforma SuapER

Accertamento di compatibilità paesaggistica per attività produttive

Come accedere ai servizi online
Autenticazione Federa livello alto
Modalità di erogazione / Canali
Invio documento con P.E.C.; Invio documento con posta cartacea; Sportello
Come ricevere/fornire informazioni aggiuntive

Per integrazioni volontarie relativamente a procedimenti inerenti attività produttive: suap@cert.distrettoceramico.mo.it
Per integrazioni volontarie relativamente a strutture residenziali: contattare l'ufficio del Comune di competenza
Per informazioni sul procedimento: contattare l'ufficio del Comune sede dell'intervento

Tempi e costi
Costi a carico del cittadino / impresa

La richiesta deve essere redatta in bollo da €16 e corredata dall'attestazione di versamento dei diritti di segreteria pari a €150.

Tempi del procedimento
Il procedimento di rilascio dell’accertamento di compatibilità paesaggistica si conclude entro il termine di centottanta giorni. Il richiedente ed il tecnico incaricato sono informati dal responsabile del procedimento dei vari passaggi tra Comune e Soprintendenza.
L’accertamento di compatibilità paesaggistica è efficace immediatamente. Il ritiro dell’autorizzazione avviene presso lo Sportello del Cittadino.
Responsabili e strumenti di tutela
Unità organizzativa responsabile istruttoria
Pianificazione Territoriale, Mobilità, Edilizia Privata
Referente principale da contattare
Rita Galli
Soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo
Segretario comunale
Strumenti di tutela

Strumenti di tutela giurisdizionale

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa (art. 113 Cost.)

L'organo competente per la tutela giurisdizionale per atti e/o provvedimenti ritenuti illegittimi sono il Tribunale Amministrativo Regionale della Regione Emilia Romagna (in primo grado) e il Consiglio di Stato (secondo grado).

Termini per presentare un ricorso per atti e/o provvedimenti amministrativi in generale:
60 giorni, a pena di decadenza, dalla notificazione dell'atto, dalla sua comunicazione o comunque conoscenza; in caso di termini diversi, gli stessi sono comunque specificati nell’atto medesimo.

Termini per presentare un ricorso contro il silenzio della pubblica amministrazione
L'azione può essere proposta trascorsi i termini per la conclusione del procedimento amministrativo, fintanto che l’Amministrazione continua ad essere inadempiente e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento amministrativo.

Termini per fare ricorso su richieste di accesso ai documenti amministrativi
L'azione può essere proposta entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione impugnata o dalla formazione del silenzio-rifiuto, mediante notificazione al Comune e ad almeno un controinteressato.

Strumenti di tutela amministrativa

Ricorso in opposizione: avanti la stessa Autorità che ha emanato il provvedimento, entro 30 giorni; 
Ricorso gerarchico: avanti l’Autorità gerarchicamente superiore, entro 30 giorni; 
Ricorso straordinario al Capo dello Stato: entro 120 giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto impugnato ritenuto illegittimo (in alternativa al ricorso al T.A.R., Tribunale Amministrativo Regionale).

Altre informazioni utili
Normativa

L.R. n. 12/2005
D.Lgs 42/2004
D.P.R. 139/2010
Deliberazione di Giunta Regionale 22.12.2011 n. IX/2727
Regolamento Edilizio Comunale

Avvisi recenti
14.06.2018

Nuovo oratorio di Colombaro: sabato 16 il taglio del nastro

L’area della Pieve riqualificata anche per viabilità, parcheggio e illuminazione

16.04.2018

Slot distanti da aree residenziali e luoghi sensibili

Il Regolamento Urbano Edilizio disciplina l’insediamento delle sale da gioco. Attività di sensibilizzazione per il gioco “sano” in Hub

29.03.2018

Consiglio comunale del 27 marzo

Approvata la quarta variante al RUE che imprime una svolta “verde” alla pianificazione territoriale

Vedi tutti gli avvisi